LE FIABE FANNO BENE

Fabian Negrin. Tra le righe dei fratelli Grimm - Andersen
  1. Perché le fiabe fanno bene?
  2. Le carte di Propp
  3. Approfondimento al cura del prof. A. Croci

  1. PERCHE’ LE FIABE FANNO BENE?

Le fiabe parlano il linguaggio della fantasia, cioè quello del bambino e lo mettono di fronte alle paure, alla necessità di sentirsi amati, all’angoscia della della morte e della separazione.

Inoltre…..

  • Ai bambini piace sentire narrare una storia
  • La fiaba favorisce all’acquisizione di elementi logici, sequenze temporali, causa-effetto, e fantastici.
  • Le fiabe contribuiscono allo sviluppo psicologico dei bambini
  • L’ascolto di una fiaba permette al bambino di conoscere nuovi vocaboli e di aumentare la capacità di concentrazione e di attenzione.
  • La fiaba concorre allo sviluppo emotivo/affettivo: il bambino nell’immedesimarsi con i personaggi, vivrà le loro emozioni
  • La lettura delle fiabe può diventare un rito affettivo che rafforza il legame con il lettore, dando sicurezza al bambino.

2. LE CARTE DI PROPP

Vladimir Propp ha studiato la struttura delle fiabe della tradizione arrivando ad isolare 31 funzioni fondamentali. Ogni funzione, (il cui elenco completo si trova ad esempio qui) rappresenta una situazione tipica della trama di una fiaba: si tratta degli ingredienti con cui le fiabe sono costruite e che possiamo utilizzare per inventarne di nuove.

Come si gioca con le carte?
Secondo il suggerimento di Gianni Rodari, si possono costruire delle carte, ognuna corrispondente ad una delle funzioni di Propp, utilizzando delle parole chiave o dei disegni. I giocatori poi costruiscono storie ispirati dalle carte estratte. (all’inizio è meglio utilizzare poche carte)
questo link  si possono scaricare delle carte da colorare o a cui ispirarsi: i bambini possono essere coinvolti fin dalla preparazione, importante per familiarizzare con le varie funzioni e ciò che evocano in loro l’allontanamento, il divieto, il tradimento, il dono…

I bambini amano mescolare le carte, improvvisandosi delle regole: estrarne tre a caso e costruirci una storia completa; partire dall’ultima carta della serie; dividersi il mazzo, tra due gruppi, e comporre due storie a gara. Spesso basta una carta a suggerire una favola.”(Gianni Rodari, Grammatica della Fantasia).

3. APPRONDIMENTO

Il prof. A. Croci ha tenuto cinque incontri on-line sulla fiaba, che potete riascoltare cliccando qui.

Temi trattati:

  • La fiaba: raccontare la notte.
  • Dalla fiaba all’avventura
  • La fiaba tenta la psicoanalisi
  • La fiaba mi piace aver paura
  • Amore in fiaba: La bella e la bestia