Rosso come il cielo (Bortone, 2005)

INDICE
SINOSSI
IL REGISTA
IL PROTAGONISTA REALE
I PICCOLI PROTAGONISTI
SPUNTI DIDATTICI
IL DOCUMENTARIO
SITO FILM
TRAILER & SCENE

SINOSSI (dal sito www.rossocomeilcielo.it)

È il 1971. Mirco è un bambino di dieci anni, vive in un paesino toscano ed è innamorato del cinema. A causa di un incidente perde la vista. Poiché la legge dell’epoca impediva ai bambini non vedenti di frequentare le normali scuole pubbliche, il protagonista viene chiuso in un istituto per ciechi a Genova. All’inizio Mirco si sente perso. Ma un giorno trova un vecchio registratore a bobine e scopre che, tagliando il nastro e riattaccandolo con lo scotch, riesce a costruire delle favole fatte solo di suoni e rumori. La direzione del collegio contrasta fortemente la sua creatività, convinta che non si debba dare a questi bambini false illusioni sul loro futuro. Mirco però continua segretamente la sua passione e coinvolge gli altri bambini ciechi, aiutandoli a riscoprire il loro talento e la loro “normalità.
“ R o s s o c o me i l c i e l o ” è i s p i rat o a l l a ve ra s t o r i a d i M i rc o M e nc a c c i

IL REGISTA

Cristiano Bortone, regista e produttore, ha studiato regia negli Stati Uniti alla New York University. Nel corso degli anni ha diretto e prodotto film e documentari premiati in numerosi festival internazionali e che spesso affrontano temi di importanza sociale. Nel
2004 ha prodotto “Saimir” di Francesco Munzi, film sul dramma dell’immigrazione e sul contrasto tra padri e figli, vincitore del Nastro d’Argento come Miglior Opera Prima e candidato al David di Donatello e all’Oscar Europeo.

IL PROTAGONISTA REALE

Mirco Mencacci è l’eroe a cui si ispira il film. La sua sensibilità ai suoni gli ha permesso di diventare uno dei più rinomati montatori
del suono per il cinema. Nei suoi studi sono stati curati la post-produzione audio di alcuni dei maggiori successi cinematografici italiani degli ultimi anni, tra cui “Le fate ignoranti” e la “La finestra di fronte” di Ferzan Ozpetek, e “La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana.

I PICCOLI PROTAGONISTI

Ci è voluto un anno per trovare in tutta Italia i piccoli protagonisti del film, alcuni davvero non vedenti. Proprio loro, spesso emarginati nella vita reale, hanno avuto per una volta l’opportunità di essere protagonisti e di insegnare agli altri bambini come recitare senza l’ausilio della vista. Il risultato è stata la scoperta di veri e propri talenti e la nascita di un’amicizia tra i piccoli attori, che è stata il segreto della loro naturalezza e simpatia all’interno del film e un bell’esempio di integrazione.

SPUNTI DIDATTICI

L’importanza dell’integrazione e della tolleranza nella scuola e nella società, in un momento in cui gli episodi di bullismo e di chiusura sono sempre più frequenti tra i giovani.

Il linguaggio dell’audiovisivo. Oltre alle immagini, l’importanza del suono, le suggestioni dei rumori e la tecnica del montaggio. Partendo dalla “favola sonora” dei piccoli protagonisti, scopriamo come interagiscono tutti questi elementi per dar vita alla magia del racconto.

L’arte e il mondo accessibili a tutti. Come può sentire un sordo la musica? E un cieco come può vedere un film? Scopri attraverso quali strumenti un diversamente abile può conoscere il mondo circostante e come le nuove tecnologie possano offrirgli maggiori opportunità di autonomia.

Scopri come è cambiata la scuola pubblica e l’insegnamento negli ultimi decenni. Oltre ai libri ci sono altri strumenti per imparare? Quali sono i compiti specifici degli istituti? Quali sono gli elementi a disposizione della scuola per garantire a tutti l’istruzione? Quali aspetti credi che bisognerebbe migliorare o incentivare?

Ulteriori spunti per l’utilizzo didattico del film “Rosso come il cielo” sono reperibili nell’antologia scolastica, per la scuola secondaria di primo grado, ELLE – Emozioni Libri Lettori Educazioni, di T.Bernardi, R. Montano, R. Piloni, edita da Garzanti Scuola

IL DOCUMENTARIO

Dall’esperienza di “Rosso come il cielo” è nato anche un film documentario dal titolo “Altri occhi” diretto dal regista Guido Votano. Il documentario racconta l’amicizia fra due bambini di otto anni, Federico e Matteo, molto diversi tra loro ma che devono confrontarsi con lo stesso problema: sono non vedenti. Il film segue la loro vita quotidiana fino al loro straordinario incontro sul set di “Rosso come il cielo”.

SITO FILM (www.rossocomeilcielo.it)

TRAILER & SCENE

TRAILER

ALBERO

BOSCO